Versi in rima sciolta...

Versi che dipingono la natura e non solo...





Image and video hosting by TinyPic


Estro ed ebbrezza
elargisci esternando
eleganti eros

Esplodi emozionando
elettrizzante estate

(tanka)

© Rosemary3

Image and video hosting by TinyPic
sabato 19 settembre 2009

Silente la speme...




Silente la speme m’assale:
  riudir le fronde del tempo stormir e
i petali del passato cadermi
   tra le mani e...
scorgere il cielo


Sei tu lì ad attendermi
e tra le braccia accoglier
ciò che di me resta...


Attimi senza fine,
  eterno specchio dell'anima
che avvolge
       in un vellutato sospiro
             i margini del fiume
 che mormora ancor
    frasi d'amore...






9 commenti:

verdefronda ha detto...

Bellissima poesia di grande sentimento e meravigliosa forma. Inoltre citi lo stormir della mia fronda e quindi mi sento molto coinvolto in questi splendidi versi. Un grandissimo saluto. Giorgio

chiaramarinoni ha detto...

Incantevole melodia di un tempo che fu.

Un abbraccio carissima

Chiara

lucy1957 ha detto...

E' stupenda questa tua poesia! Buon lunedì carissima amica.

Ti voglio bene

Lucia

perijulka ha detto...

incantevole

eufemiaG ha detto...

scusa tanto per la latitanza, sono secoli che non passo piu' a commentare :(

Ti saluto con affetto, hai ragione, devo tornare piu' spesso a leggere le cose bellissime che scrivi.

Smack

eu

chiaramarinoni ha detto...

Ciao carissima
passo per un saluto
un sorriso
Chiara

CustodeDellaNotte ha detto...

Già...


l'amore

jalesh ha detto...

Una stupenda dedica alla Speme....quella che ci tiene in vita tra i ricordi ed il passato....Meravigliosa la grafica, Complimenti

Ultimasirena ha detto...

Un incanto...

Posta un commento