Versi in rima sciolta...

Versi che dipingono la natura e non solo...





Image and video hosting by TinyPic


Estro ed ebbrezza
elargisci esternando
eleganti eros

Esplodi emozionando
elettrizzante estate

(tanka)

© Rosemary3

Image and video hosting by TinyPic
domenica 19 settembre 2010

Smarrito ho...


Il mio libro a scrivere
continuo e,
zigzagando il tratto del pensiero,
manco
il sentiero che abile si perde...


Grigio m'appare
l'orizzonte che s'addensa
di un nugolo di spemi...


Latra la mente che nutro
di stille di dolore
e palpo l'agonizzante aurora,
latrice del giorno
partorito da notturni affanni:
natante incredulo di un messaggero,
prospero di spettri...


8 commenti:

infranotturna ha detto...


smarrimento
perdita
nel bosco come bimbi piccoli
cerchiamo
sentieri forse nascosti dalle foglie morte

raggioluminoso ha detto...

Nonostante la tristezza, il tuo modo di poetare avvince e sei in grado di creare molta emozione nel lettore. Splendida!

baronerosso1 ha detto...

Il tuo libro...il magnifico libro lo puoi aprire, sfogliare, leggere e rileggere...
Nel mio libro ci sono passi in cui sono restati incollati pensieri e ricordi stracciati...Quando raggiungo, come ieri mattina, certi amarcord, ho bisogno di essere aiutato e illuminato...

sognodiluce ha detto...

buonanotte dolce fatina che le stelle veglino sui tuoi sogni e tessano per te
un destino fantastico un abbraccio tvb 
tuo devoto folletto

pietroatzeni ha detto...

Magnifici versi traboccanti di una tristezza infinita che lascia poco spazio alla  speranza. Un abbraccio e buona serata. Pietro.

Fioredicollina ha detto...


ciao Ros anche io sono poco presente in splinder ma sai il perchè. grazie degli auguri e dei saluti che ho molto gradito. un bacione

orofiorentino ha detto...

Le emozioni che mi dai ogni volta che ti leggo sono uniche. Ti voglio bene cara. Un abbraccio forteeeeeee

chiaramarinoni ha detto...

Ciao carissima Ros
grazie della tua graditissima visita
 purtroppo  sono poco presente
ho la mamma in ospedale ed è difficile conciliare tutto.

Le tue liriche emozionano e i brividi scorrono
sino al cuore.
Quest'ultima è un poco triste, ma si sa è autunno.
Un abbraccio
un sorriso
Chiara

Posta un commento